C’era una volta un Re… La storia di Babbo Natale

Articolo trasferito dalla precedente versione del sito https://giardinodellefate.wordpress.com

Data di pubblicazione: 14 settembre 2011 ©Giardino delle Fate

C’era una volta un Re… con queste parole potrebbe cominciare anche la storia di Babbo Natale.

Una delle leggende che alimentano infatti la sua origine ha come protagonista non proprio un re, ma un nobile signore caduto in povertà, tanto che non avrebbe avuto la possibilità di far maritare le sue tre figlie.

San Nicola (quello di Bari, il vescovo di Myra di origine turca) ebbe pietà di quest’uomo onesto e decise di aiutarlo. Per tre notti di fila, così, lanciò attraverso una finestra del castello un sacco di monete. La terza notte, però, trovando la finestra chiusa, fece passare il sacchetto dal camino, facendo felice il signore e le sue figlie.

Dunque il primo portatore di doni della storia è stato San Nicola di Bari. Amato e venerato un po’ in tutta Europa, specie in Belgio e in Olanda (St. Nicholas), veniva ricordato il 6 dicembre: in groppa ad un asinello bianco oppure a cavallo, andava nella case portando doni ai bimbi buoni.

campanella nataleSecondo certe tradizioni, lo accompagnava lo Gnomo Peter il Nero, che puniva i bambini cattivi. Secondo alcuni esperti, comunque, si possono addirittura scomodare figure mitologiche come il teutonico Odino o il germanico Thor, per scoprire le radici del Dio portatore di doni.

Quando gruppi di immigrati Olandesi si spostarono in America, fondando Nuova Amsterdam (divenuta in seguito New York), portarono con loro anche le tradizioni, tra cui San Nicola, che nella loro lingua si chiamava Sinter Klass.

Il personaggio piacque ben presto anche ai coloni inglesi, che trasformarono il nome in Santa Claus. Nel corso dell’Ottocento il personaggio cambiò il mezzo di trasporto, e fu dotato di renne.

L’illustre professor Clement Clark Moore, che oggi nessuno più conosce, scrisse in un suo poemetto che Santa Claus viaggiava in compagnia di ben otto renne (ognuna con il suo nome), e che si calava nei camini e lasciava giocattoli nelle calze appese dai bimbi. Poteva fare tutto questo perché, naturalmente, era un ometto piccolo, vestito da Gnomo e delle dimensioni di uno Gnomo.

A dare infine una delle ultime pennellate nel creare il nostro Babbo Natale fu l’illustratore Thomas Nast: tra il 1862 e il 1886 disegnò una serie di celebri tavole dedicate al personaggio, che ormai era stato associato alla festività natalizia. Sono una sua creazione la casa al Polo Nord, la lista dei bambini buoni e cattivi, e la fabbrica dei giocattoli dove lavorano gli Gnomi (o Folletti) aiutanti.

santaclaus

Nel 1931 accadde l’imprevedibile: l’azienda che produceva la Coca Cola decise di utilizzare Santa Claus nella propria pubblicità natalizia. Vestito dei colori della ditta, il rosso e il bianco, veniva raffigurato come un simpatico vecchietto panciuto, questa volta di dimensioni naturali, che beveva allegramente la bibita.

Pare che il suo disegnatore, lo svedese Haddon Sundblom, si fosse ispirato ad un suo vicino di casa, un tipo simpatico e di aspetto particolarmente florido. Questa immagine, diffusa per ben 35 anni in tutto il mondo, divenne la raffigurazione “ufficiale” di Babbo Natale, e nessuno ormai potrebbe figurarselo in modo diverso.

Un’altra credenza piuttosto curiosa invece riguarda la sede ufficiale di Babbo Natale, che abiterebbe in Finlandia, a Rovaniemi, dove si trovano anche la sua sede ufficiale e l’ufficio postale. La sua casa vera, però, quella segreta, è a Korvatunturi, ma a Babbo Natale non piace che si sappia troppo in giro.

Il nome finlandese significa “montagna-orecchio”, perché la montagna presso la quale è il villaggio somiglia alle orecchie di una lepre, e da queste grandi orecchie Babbo Natale ascolta quello che fanno i bambini, per decidere se meritano i doni oppure no.

babbo-natale

Per mettersi in contatto con Babbo Natale:
Babbo Natale abita a Korvatunturi (= Collina d’Orecchio), in provincia di Savukoski (= Fiume del Fumo), nei pressi di Rovaniemi nella Lapponia finlandese.

L’indirizzo dove potete scrivergli, certi di una risposta, è il seguente:

Babbo Natale (“Joulupukki” in finlandese)
Joulupukin Pajakylä
96930 Napapiiri
Finlandia

Se volete inviargli una e-mail (ormai si è adeguato anche lui alla nostra era informatica), potrete farlo scrivendo all’indirizzo: santa.claus@santaclausoffice.fi.

Gli Elfi e gli Gnomi che lavorano nell’ormai famosissimo SantaClausOffice, impegnati giorno e notte nella difficile operazione dello smistamento della corrispondenza, provvederanno ad inoltrargli la lettera.

Il sito ufficiale del Santa Claus Office è www.santaclauslive.com, che potrete utilizzare come via d’accesso per compiere un viaggio virtuale alla scoperta dei segreti della casa di Babbo Natale…

Babbo Natale lo si può immaginare vestito di rosso a bordo di una slitta, o come un vecchietto con un consumato mantello marrone, un bastone ed una lanterna… ma la verità è che ognuno di noi, che ci creda oppure no, ha bisogno di sognare… e il Natale è il pretesto migliore per farlo!

☆ Natale in Irlanda ☆

Le feste natalizie iniziano dodici giorni prima di Natale. Questo periodo si chiama Little Christmas, vale a dire Babbo Natale. Il giorno di Natale, sul davanzale della finestra viene collocata una candela.

Prima di andare alla messa, si lascia un bicchiere di whisky per Babbo Natale. I doni vengono aperti il giorno di Natale, e il pranzo di Natale inizia fra le 2 e le 3 del pomeriggio.

Il giorno dopo Natale, il 26 dicembre, è Santo Stefano. Molti Irlandesi vanno ad assistere alle corse dei cavalli mentre altri cantano per strada. Il giorno dopo Natale è ancora festa, nelle città molti Irlandesi si riuniscono per scommettere sui cavalli.

In campagna i ragazzi Wren Boys, vestiti con abiti tradizionali, cantano e suonano e vanno di casa in casa chiedendo qualche soldino.

babbino

900%20(17)

Info Post

loading...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *