Fate di Feridia

Pubblicato il: 12 settembre 2011 ©Giardino delle Fate

Immersa nella quiete dell’Arcipelago delle Fate esiste un’isola chiamata Feridia. Qui nacquero le prime Fate, ognuna nata da un Elemento diverso, ognuna con un carattere e modo di fare unico ed irripetibile.

Asja, la Fata Rossa o del Fuoco (la prima Ruasidhe), nata in una notte tempestosa dalla scintilla di un abbagliante fulmine, di infinita sensualità, romantica e sensibile.

Pervinca, la Fata Blu o dell’Acqua (la prima Gormsidhe), venuta al mondo nel momento in cui una goccia di fresca rugiada, scivolando da un petalo del bellissimo fiore che le diede il nome, entrò in contatto con il terreno. Sincera e sognatrice, aveva spesso la testa fra le nuvole.

Yulia, la Fata Verde o della Terra (la prima Glasidhe), che venne al mondo nell’attimo in cui il germoglio di una pianta, scavando e smuovendo il terreno riuscì a vedere la luce per la prima volta. La speranza era il sentimento che risaltava tra tutti nel suo animo ed era una convinta ottimista, capace di trovare il lato positivo nella più terribile situazione.


Queste fra le prime, ma con il trascorrere del tempo molte altre Fate vennero al mondo. Qualcuna nata dai riflessi della Luna alta in cielo, altre nate dai caldi raggi del Sole, alcune dalla nebbia mattutina, altre ancora dai sottili cristalli di ghiaccio delle montagne più impervie. Man mano nascevano diverse inclinazioni e le Fate si differenziavano tra di loro per il carattere.

La quiete dell’isola di Feridia continuava così, giorno per giorno, in una catena di tranquillità all’apparenza indistruttibile. Le Fate erano occupate nella cura dell’isola e nell’impratichirsi nell’uso del proprio elemento primordiale. La vita era un susseguirsi di feste, Cerchi Fatati e scoperte di ogni tipo. Fu in questo periodo, inoltre, che venne alla luce la Pietra Lunare con le sue proprietà, tra cui quella di riuscire a concentrare l’energia che una Fata le dona per restituirla amplificata.

Gli antichi scritti narrano poi di una notte quieta e senza vento, in cui la luce lunare venne offuscata dal sole che nel suo lento incedere l’oscurò completamente, proiettandovi sopra l’ombra della terra. Fu in quell’occasione che una nuova inclinazione comparve sull’isola.

Decine di Fate nacquero in quella stessa notte, indistinguibili fisicamente dalle loro sorelle, ma non per ciò che avevano nel cuore. Non c’era amore né pace in loro, soltanto malvagità e cattiveria.

Quel che accadde dopo è ancora avvolto nel mistero. Soltanto Ayanami, della genìa delle Fate del Fuoco, forte e sicura di sé, ebbe il coraggio di radunare le sue Sorelle nella Camarilla, l’edificio in cui venivano prese le decisioni più importanti. Riunitesi presero la decisione più difficile, ossia quella di abbandonare la loro isola natìa, per trovare riparo e nuova vita in luoghi più ospitali.

Così continua la storia delle Fate di Feridia, radunate in un Clan di allineamento positivo che prende il nome dall’edificio in cui è nato, la Camarilla appunto, sotto la guida di colei che si è dimostrata un esempio per tutte, decisa e protettiva allo stesso tempo, e che venne in seguito chiamata Fata Madre.

Qualcuno ogni tanto fa anche ritorno a Feridia, ora che è diventato un luogo solitario e silenzioso, per trarne giovamento. Per le sue caratteristiche, infatti, Feridia amplifica l’energia di cui è costituita ogni Fata, donando nuova vita alle sue figlie.La Camarilla è il più antico Clan di Fate di Lot. Le Fate che ne fanno parte si distinguono per uno spiccato legame con un elemento caratteristico, che ne condiziona il carattere, la personalità e persino l’aspetto.

Nebbia e viola
Fuoco e rosso
Luce e giallo
Acqua e blu
Terra e verde
Buio e grigio
Gelo e bianco

Queste le inclinazioni, questi gli elementi che dominano la loro vita e che hanno condizionato la loro nascita, questi i colori che contraddistinguono le 7 Famiglie: divise a seconda del carattere, ma unite in quanto Sorelle.

Così come l’elemento che ha fatto nascere ogni Fata sull’isola di Feridia le ha donato un carattere specifico, allo stesso modo è accaduto che le donasse anche alcune peculiarità fisiche. le Fate della Camarilla corrispondono in tutto e per tutto all’Anatomia Ufficiale redatta dall’Accademia delle Razze di Lot.

Così le Fate della Camarilla hanno le ali con striature dello stesso colore della propria inclinazione:

Buisidhe o Fate della Luce: Giallo
Fionsidhe o Fate del Gelo: Bianco
Glasidhe o Fate della Terra: Verde
Gormsidhe o Fate dell’Acqua: Blu
Liathsidhe o Fate del Buio: Grigio e Nero
Mothansidhe o Fate della Nebbia: Viola
Ruasidhe o Fate del Fuoco: Rosso

❂ Gerarchia del Clan ❂

La gestione del Clan viene demandata al CERCHIO DELLE LUMINOSE, composto dalla Fata Madre, dalle Fate Luminose e dalle Fate d’Argento. A loro spettano le decisioni che riguardano l’organizzazione della Camarilla, l’organizzazione delle feste e dei riti del Clan, la gestione dei rapporti con le Gilde di Lot e con gli altri Clan di Razza.

Nominano inoltre le Crepuscolari e le Fate con Carica speciale, ed approvano ogni passaggio di grado all’interno delle Famiglie. Ogni decisione viene presa all’unanimità: nel caso che non si giunga ad una decisione unanime si procederà per votazione e varrà il criterio della maggioranza.

Vi è poi il CERCHIO DELLE CREPUSCOLARI, composto dalla Fata Madre, dalle Fate Luminose, dalle Fate Crepuscolari, dal Primo Cerimoniere e dal Primo Banditore. È l’anello di congiunzione tra il Cerchio delle Luminose e le Famiglie, e coloro che ne fanno parte rendono mensilmente noto un resoconto della gestione di ogni singola famiglia e dei banditori, con l’elenco dei passaggi di grado, portano a conoscenza del Cerchio delle Luminose eventuali problemi o dubbi, propongono tracce di GDL che coinvolgano sia l’intero Clan che una singola Famiglia, propongono novità e modifiche all’organizzazione del Clan, coadiuvano il Cerchio delle Luminose nel far rispettare le regole interne delle Camarilla e le leggi che regolano la vita del Granducato, che hanno sempre la precedenza.

La Camarilla ha una struttura piramidale così schematizzabile:

Fata Madre
Fate Luminose
Fate Crepuscolari
Fate con Carica Speciale
Vice Crepuscolari
Bhowsidhe (novizie)

All’ingresso nella Camarilla si ha la carica di Bhowsidhe, ossia novizia/o, e non si fa parte di nessuna Famiglia.
Ogni Famiglia ha una propria gerarchia interna e viene gestita dalla Fata Crepuscolare e dalla sua Vice. Le Famiglie che sono state scelte per la Camarilla corrispondono attualmente alle seguenti inclinazioni:

Buisidhe (Fate Gialle) o Fate della Luce, briose e spensierate
Fionsidhe (Fate Bianche) o Fate del Gelo, malinconiche e sagge
Glasidhe (Fate Verdi) o Fate della Terra, ottimiste ed altruiste
Gormsidhe (Fate Blu) o Fate dell’Acqua, sincere e sognatrici
Liathsidhe (Fate Grigie) o Fate del Buio, misteriose ed introverse
Mothansidhe (Fate Viola) o Fate della Nebbia, vanitose, permalose e vendicative
Ruasidhe (Fate Rosse) o Fate del Fuoco, d’infinita sensualità, romantiche e sensibili

“SIDHE” si legge scii e indica la Fata. Il prefisso di ogni nome, invece, è la traduzione del rispettivo colore.

FATA MADRE
La Fata Madre è il Capo Clan della Camarilla. È unica, e costituisce il modello e la guida per la Camarilla, può intervenire all’interno dell’operato di qualunque Fata e modificarlo per adattarlo alle necessità del momento o nel caso vi sia qualche errore.
Rappresenta il Clan all’interno del Granducato, ed in caso di impedimento può essere sostituita da una delle Fate Luminose.

FATE LUMINOSE
La Fata Luminosa della Conoscenza vigila sul rispetto delle regole. È il punto di riferimento per qualsiasi dubbio riguardante la Camarilla ed il suo funzionamento. I suoi compiti sono vagliare le domande di iscrizione al Clan, seguire le Novizie ed esaminarle quando necessario, coordinare il gruppo dei Tutor.

La Fata Luminosa dell’Immaginazione si occupa di vigilare sul gruppo dei Cerimonieri delle Feste, cui spetta l’organizzazione di tutte le feste e concorsi che riguardano il Clan. Si occupa inoltre di tutte le mansioni che richiedono abilità grafiche od estetiche.

La Fata Luminosa delle Origini si occupa dei contatti del Clan con le altre realtà del Granducato e vigila sul gruppo dei Banditori.

La Fata Luminosa dell’Essenza, infine, si occupa di vigilare sul gruppo dei Cerimonieri dei Riti, cui spetta la creazione e la gestione dei riti che riguardano il Clan. Si occupa inoltre di custodire la Pietra Lunare e proteggerla anche a costo della propria vita.

Tale suddivisione dei compiti, può essere variata nel caso in cui una di loro si trovi temporaneamente impossibilitata a svolgere il proprio ruolo.

FATE CREPUSCOLARI
Ogni Famiglia è guidata e coordinata da una unica Fata Crepuscolare, che periodicamente comunica alla Fata Madre l’andamento generale della Famiglia stessa.

La nomina di una nuova Crepuscolare avviene solo quando la Crepuscolare in carica lascia il suo posto. La nomina avviene a discrezione dei componenti del Cerchio delle Luminose, che possono prendere in considerazione eventuali suggerimenti della Crepuscolare uscente.

Compito di ogni Crepuscolare è quello di formare i componenti della rispettiva Famiglia, insegnando loro al fine tramandarlo l’uso dell’elemento caratteristico secondo i dettami delle antenate, ed aiutandoli nell’integrare quest’ultimo nella vita di tutti i giorni. La Crepuscolare è anche responsabile dei comportamenti assunti dalle proprie Fate e diviene punto di riferimento ed esempio da imitare.

✰ FATE CON CARICA SPECIALE ✰

FATA D’ARGENTO
La nomina è onorifica, e viene data dalla Fata Madre alle Fate che si sono particolarmente distinte nella vita della Camarilla.

CERIMONIERI
» PRIMO CERIMONIERE
Coordina e gestisce il gruppo dei Cerimonieri, e mensilmente fornisce al Cerchio delle Luminose un resoconto con l’andamento e l’elenco delle eventuali promozioni o allontanamenti.
» CERIMONIERE DELLE FESTE
Si occupa di organizzare le feste della Camarilla, basandosi sulle storie e leggende riguardanti il Clan e la razza.
» CERIMONIERE DEI RITI
Si occupa di organizzare i riti della Camarilla, basandosi sulle storie e leggende riguardanti il Clan e la razza.

BANDITORI
» PRIMO BANDITORE
Coordina e gestisce il gruppo dei Banditori, e mensilmente fornisce al Cerchio delle Luminose un resoconto con l’andamento e l’elenco delle eventuali promozioni o allontanamenti.
» BANDITORI DEGLI AVVENIMENTI
Narrano e riassumono i fatti salienti avvenuti nel Granducato, all’interno della Biblioteca privata del Clan, e pubblicizzano le promozioni del Clan (solo su autorizzazione di una Luminosa).
» BANDITORI DELLE LEGGENDE
Scrivono e divulgano le leggende delle Fate della Camarilla, le origini di feste e riti e quant’altro la loro mente artistica possa far nascere.

TUTOR
Coordinati dalla Fata Luminosa della Conoscenza, organizzano lezioni teoriche e pratiche per le Novizie. Prima di diventare Tutor ogni Fata entra nel gruppo come Apprendista Tutor, e segue le lezioni coadiuvando il Tutor ed imparando così le sue future mansioni.

Bisogna però dimostrare una particolare inclinazione a qualche compito specifico. La nomina avviene a discrezione della Fata Madre e del Cerchio delle Luminose, o su segnalazione del Consiglio delle Crepuscolari.

BHOWSIDHE
Le Bhowsidhe sono le novizie del Clan e partecipano alle lezioni teoriche e pratiche tenute dai Tutor. Le lezioni riguardano la conoscenza delle Fate e della loro anatomia, la conoscenza della Camarilla e delle sue regole, le differenze tra le varie famiglie del Clan, ma soprattutto il comportamento tipico di una Fata e le peculiarità delle Razze presenti a Lot.

Ogni Bhowsidhe può partecipare ai GDL lottiani (in qualità di appartenente alla Camarilla si intende), ma in ruoli di secondo piano, mentre non può invece partecipare ai GDL di Famiglia.

Al termine del periodo di Noviziato, ogni Bhowsidhe può richiedere il passaggio alla Fata Luminosa della Conoscenza. Se l’esito è positivo può accedere alla Famiglia che le è più congeniale. In caso contrario dovrà rimanere Bhowsidhe e colmare le proprie lacune.

Data la lunghezza dell’articolo, il post è stato diviso in più pagine:

Info Post

loading...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *