Gli 8 Sabbat

Articolo trasferito dalla precedente versione del sito https://giardinodellefate.wordpress.com

Data di pubblicazione: 28 ottobre 2011 ©Giardino delle Fate

I Sabbat sono giorni di venerazione, di potere, e festività.

La parola Sabbat nasce dalla radice della parola ebraica Shabbath, nell’inglese arcaico “sabat”, francese arcaico “sabbat”, dal latino “sabbatum”, e il greco “sabbaton” (o sa’baton), che divenne l’ebraico “Shabbat”, con il significato di “cessare”, inteso come smettere di compiere determinate azioni.

La parola appare per la prima volta negli scritti di Margaret Murray, che diede origine all’osservanza delle feste religiose nella tradizione wiccan, dividendo le festività maggiori in Sabbat ed Esbat.

Il termine fu infatti usato durante la persecuzione delle Streghe, supponendo che fosse il giorno dedicato all’adorazione satanica e agli incantesimi demoniaci delle streghe; questi raduni sono stati rinominati, più recentemente, con Sinagoghe di Satana, infatti al tempo delle prime persecuzioni ebraiche si cercava di assimilare gli ebrei ad adoratori di Satana, ed è in questo periodo che molti termini ebraici vennero adattati alla descrizione delle attività stregonesche.

Murray era stata, inizialmente, sviata dall’assonanza accidentale del termine Sabbat con il termine Esbat.

Pur essendo legati alle fasi solari le cerimonie, solitamente, si svolgono di notte, e ricalcano le feste stagionali tipiche di un’Europa pre-monoteismo.

Queste festività raccontano la vita del Dio e della Dea, attraverso miti che possono differire da una tradizione all’altra.

Si suddividono in quattro Sabbat maggiori, probabilmente associati con i cicli dell’agricoltura e dell’allevamento, la cui data veniva determinata in base alla levata eliaca di alcune stelle facilmente visibili ad occhio nudo.

Tradizionalmente duravano tre giorni, a partire dal tramonto del giorno precedente (nella cultura celtica il giorno cominciava al tramonto).

Samhain/Calenda. Capodanno, Levata eliaca di Antares (Alpha Scorpii)
Imbolc/Candelora. Festa del ritorno della Luce, Levata eliaca di Capella (Alpha Auriga)
Beltane/Calendimaggio. Estate, Levata eliaca di Aldebaran (Alpha Taurus)
Lughnasadh. Festa del raccolto, Levata eliaca di Sirio (Alpha Canis major)

Gli altri quattro (Yule, Ostara, Litha e Mabon) sono i Sabbat minori, calcolati in base al sole (equinozi e solstizi).In genere la prima festività è Samhain, e l’ultima è Mabon, secondo l’ordine che segue:

Samhain, pronounciato /ˈsawənʲ/: il 31 ottobre, è il capodanno
Yule, durante il solstizio d’inverno: il 21 dicembre, ed è calcolato in relazione alla posizione del sole, si attende che il sole abbia raggiunto il punto più lontano
Imbolc o anche Imbolg, Imbolic, Oimelc, Brigid o Bride: il 2 febbraio, questa festa cade il giorno in cui il sole raggiunge la quindicesima casa dell’Acquario
Ostara o anche Eostre o Eostar, il giorno della Dea: equinozio di primavera, il 21 marzo, calcolato quando il sole attraversa l’equatore procedendo verso nord
Beltane o Beltaine: il 1° maggio, cade quando il sole si trova nella quindicesima casa della Toro
Litha o Mezza Estate, solstizio d’estate: il 21 giugno, quando il sole raggiunge il punto più vicino alla Terra
Lughnasadh (scritto anche Lunasa o Lughnasa) oppure Lammas: il 1° agosto e vigilia, cade quando il sole si trova nella quindicesima casa del Leone
Mabon o Modron, chiamato anche Casa del raccolto: equinozio d’autunno, il 21 settembre, indica quando il sole attraversa l’equatore muovendo verso sud

Alle festività solari, dedicate al principio maschile del divino, si affiancano cerimonie associate alle fasi lunari, molto più frequenti nel corso dell’anno, chiamate Esbat. In genere i Sabbat sono calcolati in relazione alla posizione del sole rispetto alla Terra.

Samhain, Imbolc, Beltane e Lughnasadh sono anche definite le “Sabbat delle quattro metà’’, ed indicano l’inizio delle quattro stagioni. Recentemente queste date sono tornate ad essere anche ufficialmente l’inizio delle stagioni.

Attraverso le stagioni varia anche la durata del giorno e, come è stato descritto in precedenza, è proprio la durata delle ore diurne al centro del calcolo dei giorni di Sabbat. L’estate è la stagione dei giorni lunghi, l’inverno delle notti lunghe, la primavera e l’autunno sono stagioni di transizioni tra le due.

Nella moderna definizione di estate, l’inizio avviene con il solstizio d’estate, ossia con il giorno più lungo e tutti gli altri giorni sono più brevi. In alcuni paesi questa definizione non è perfettamente allineata con il calendario gregoriano, e le stagioni partono ufficialmente con l’inizio del mese.

Nell’emisfero sud, molti pagani anticipano queste date di sei mesi affinché coincidano con le stagioni: ad esempio in Australia i pagani festeggiano Beltane il primo Novembre, quando i pagani canadesi, o italiani, festeggiano Samhain. Anche se questo porta ad uno sfasamento delle festività tra i due emisferi, ricalca più fedelmente lo spirito originario delle ricorrenze.Data la lunghezza dell’articolo, il post è stato diviso in più pagine:

Info Post

loading...

1 commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright