Il Piano Astrale

Articolo trasferito dalla precedente versione del sito https://giardinodellefate.wordpress.com

Data di pubblicazione: 19 settembre 2011 ©Giardino delle Fate

~• IL CORPO ASTRALE •~

Il corpo astrale è costituito da materia molto più fine di quella fisica, e di conseguenza la compenetra: circonda e compenetra il corpo fisico e sopravvive a quest’ultimo per un certo numero di anni. Tuttavia non è immortale, ed infine si disintegra e si risolve nei suoi elementi originari al pari del corpo fisico.

Per comprendere ciò, si pensi che anche nelle materie più dense, nessun atomo tocca quello vicino, perché lo spazio tra loro è molto più grande degli atomi stessi, ovvero lo spazio fra gli elettroni degli atomi della materia solida è grande, in proporzione, come lo spazio fra i pianeti del nostro sistema sola­re. Per questa ragione si può comprendere come sia facile per il corpo astrale (e gli altri corpi sottili), il compenetrare il corpo fisico e muoversi con piena libertà tra le sue particelle.

È anche possibile, per un essere che vive completamente nel Mondo Astrale, occupare lo stesso spazio di uno che vive nel Mondo Fisico senza che i due si intralcino nei movimenti; essi sarebbero infatti inconsapevoli della reciproca presenza. Perciò intorno a noi vi sono le entità del Mondo Astrale e degli altri mondi che vivono la loro vita, ma noi non siamo coscienti di loro come loro non sono coscienti di noi, salvo che in circostanze particolari.

Il corpo astrale lo abbiamo tutti, infatti lo utilizziamo per viaggiare durante le esperienze di sogno, ma solo pochi di noi sono in grado di utilizzarlo coscientemente come involucro per spostarsi anche in stato di veglia, e compiere i cosiddetti «viaggi astrali». Ciò implica che, alla stessa maniera, pochi di noi saranno in grado di usarlo coscientemente dopo l’esperienza della morte.

Ci ritroveremo nel corpo astrale, ma ne avremo la stessa padronanza che un fanciullo di due anni può avere del suo corpo fisico: saremo trasportati dagli eventi del mondo astrale in uno stato di semi-incoscienza simile, appunto, a quella che si ha nel sogno.

Quanti di noi, infatti, sono capaci di fare «sogni lucidi», all’interno dei quali possono decidere delle loro azioni? Allo stesso modo saremo solo parzialmente in grado di decidere delle nostre azioni dopo la morte.

Nei casi di chiaroveggenza, o visione astrale, l'”investigatore” rimane nel suo corpo fisico e percepisce naturalmente i fenomeni del Piano Astrale. Non è necessario per lui entrare in trance o in qualsiasi altro stato mentale anomalo…

I ricercatori più evoluti possono lasciare temporaneamente il loro corpo fisico (che rimane in uno stato di sonno o trance), e ritirarsi nel corpo astrale con il quale possono visitare a volontà il Mondo Astrale, anche in punti dello spazio molto lontani dal luogo in cui giace il loro corpo fisico.

Le pratiche che consentono ad un essere umano di spostare la sua coscienza nel corpo astrale in modo da servirsene a piacimento, sia in vita che dopo la morte, riguardano il «ricordo di sé» e l’utilizzo consapevole dell’ Energia Sessuale. Conoscenze provenienti dall’antica Atlantide e recentemente ritrasmesse da Georges I. Gurdjieff, P.D. Ouspensky, E.J. Gold e Robert Burton, che consistono sul lavoro psicologico/alchemico.

Il percorso iniziatico, se condotto fino al compimento ultimo, consente sia di ottenere la capacità di trasferirsi nel corpo astrale (il che conduce alla sopravvivenza dopo la morte), sia la successiva e più importante capacità di identificarsi con l’anima stessa, che conduce all’immortalità vera e propria. Stiamo parlando di due differenti gradi iniziatici: nel primo stadio l’individuo resta ancora attaccato alla materia e all’ego, in quello successivo ne è invece totalmente distaccato (Vampiri).

Secondo gli insegnamenti tradizionali più antichi, dei quali è impossibile rintracciare le fonti e che si tramandano in gran parte per via orale, l’uomo è composto da diversi corpi, oltre a quello fisico percepibile attraverso i sensi grossolani. Esistono in merito varie classificazioni a seconda della scuola esoterica o della religione che si vuole considerare. Ad esempio nella tradizione cristiana si considerano quattro corpi:

carnale (corpo fisico)
naturale (corpo astrale o emotivo)
spirituale (corpo mentale)
divino

Sebbene tutte le suddivisioni siano in qualche modo esatte e si discostino tra loro solo in virtù del fatto che spesso cambiano le capacità del chiaroveggente, o anche solo il contesto sociale in cui questi si muove, attraverso la pratica alchemica si è giunti alla conclusione che l’uomo è costituito da tre corpi:

FISICO (a sua volta suddiviso in fisico denso e fisico ETERICO)
EMOTIVO
(più conosciuto come ASTRALE, e in alchimia come Fluidico o Mercuriale)
MENTALE

Nell’uomo ordinario questi tre corpi esistono in una manifestazione non ancora perfetta. Sulla perfezione del corpo fisico e sulla capacità dell’uomo di controllarlo stendiamo un velo pietoso: è sufficiente un raffreddore per impedirci di alzarci dal letto e non saremmo in grado di lavorare per una notte intera senza cominciare a piangere…

Per quanto concerne il corpo astrale, esso, nella maggioranza delle persone è poco più di una massa di materia astrale disorganizzata, i cui movimenti ed impulsi sfuggono quasi completamente al controllo dell’individuo. D’altronde è una verità osservabile tutti i giorni quanto sia ancora primitiva la capacità di gestione delle proprie emozioni, desideri e passioni da parte dell’uomo medio.

Tutto ciò è ancor più vero per quanto concerne il mentale, a tal punto che spesso esso non ha nemmeno il più vago sentore di talune sue capacità latenti. L’individuo comune infatti non sa di poter mutare la realtà attraverso il potere della sua mente concentrata, e non riesce a concepire di poter rappresentare l’ente divino incarnato.

È compito del Mago disciplinare e rafforzare – «fissare» – i tre corpi che rappresentano la sua Personalità (fisico, emotivo e mentale) mentre ancora vive nel mondo fisico, e al contempo “fabbricare” i tre corrispondenti «corpi superiori», a partire dalle sostanze che i tre inferiori gli mettono a disposizione.

Questo coincide con la possibilità di trasferire la sua coscienza in questi corpi superiori, riassunti nell’espressione «corpo di gloria» o «corpo dell’anima», e quindi di aprire la sua vista su differenti dimensioni della realtà. Tali corpi superiori sono:

3- Mentale superiore (o CAUSALE)
2- Emotivo superiore
(o BUDDHICO)
1- Fisico superiore
(o ATMICO)

Questi involucri, che di norma vengono riassunti nel termine “anima”, esistono nell’uomo solo “in embrione”, più come possibilità latenti che non come effettive realizzazioni.

L’uomo la cui unica possibilità di coscienza è legata al cervello della macchina biologica, dovrà sempre sottostare agli impulsi provenienti da tale macchina. I bisogni e i desideri della sua personalità (la macchina) lo governano e lo trascinano lungo la vita. La sua esistenza è allora una serie di reazioni meccaniche della personalità all’ambiente circostante. Egli è un completo schiavo dei suoi istinti inferiori.

Il Mago che abbia «fissato» uno dei corpi sottili inferiori, o «cristallizzato» uno di quelli superiori, ed abbia trasferito in esso il suo centro di consapevolezza, può invece liberamente aprire la propria coscienza su quel piano superiore e muoversi liberamente utilizzando il nuovo corpo, così come faceva con il corpo fisico nel mondo fisico. Su tale piano egli acquisisce l’autorità per dirigere il corpo anziché subirne i capricci.

Egli può, ad esempio, allontanarsi temporaneamente dal piano fisico per portare aiuto ad un singolo o ad una comunità, muovendosi sul piano astrale o su quello mentale, da dove si può agire con maggiore efficacia. Oppure può ricercare su questi piani i contatti per acquisire maggiori conoscenze in ogni campo del sapere.

Una delle spiacevoli conseguenze derivanti del rimanere completamente identificati con una macchina biologica è il fatto di dover morire con essa. Chi si è limitato ad essere un cervello lungo tutta la sua esistenza… morirà quando morirà quel cervello.

Un essere umano che crede di essere i suoi pensieri e le sue emozioni, che perde ogni capacità razionale se messo di fronte al tradimento del proprio partner, che si arrabbia o si deprime come un bambino, come può sperare di avere in sé la forza necessaria per sopravvivere coscientemente all’evento della morte?

Quando l’anima lascia il corpo fisico, occupa comunque il corpo mercuriale, o astrale, ma l’individuo, non avendo ancora sviluppato la capacità di essere consapevole nell’astrale, si troverà in uno stato di semi-incoscienza nel nuovo ambiente. Sarà comunque consapevole di sé, ma in una sfera simile a quella del sogno. Quale è infatti il grado di coscienza astrale dell’uomo medio?

Lo si può facilmente dedurre dai sogni. Quando l’uomo sogna si trova nel suo corpo astrale, proprio come lo sarà dopo la morte, quindi è sufficiente che osservi quanto è lucida la sua coscienza durante i sogni, per ricavare con buona approssimazione quanto sarà lucido dopo la morte.

Nel sogno percepisce ciò che accade intorno a lui, ma è solo vagamente cosciente di sé come individuo. È uno stato di semi-incoscienza difficile da descrivere: l’uomo sa ancora di esistere… ma non perfettamente come potrebbe saperlo sulla Terra fisica.

Solitamente la sua percezione dell’ambiente durante i sogni è piuttosto vaga, ed egli non è in grado di decidere nulla circa gli avvenimenti, sebbene sia convinto del contrario; in realtà viene letteralmente trasportato dagli eventi circostanti, non stabilisce i luoghi da visitare, né le persone da incontrare, non può gestire la sua forza, né la sua capacità di spostarsi.

Tutto gli accade e lui è un burattino semi-incosciente nelle mani delle sue emozioni e dei suoi istinti, i quali decidono di quale commedia egli diviene protagonista di volta in volta. Un destino simile lo attende da disincarnato.

Se invece un uomo si dedica all’Ars Regia durante l’incarnazione, può sviluppare la coscienza astrale, può cioè cristallizzare il suo corpo mercuriale e divenire pienamente cosciente in esso pur rimanendo vivo in quello fisico. Il vero chiaroveggente è colui che può decidere di spostare in ogni momento la sua coscienza dal fisico all’astrale e viceversa, percependo ora un mondo ora l’altro. Tale uomo è anche capace di sogni lucidi, cioè di sogni nei quali lui si muove nel mondo astrale con la stessa piena coscienza con cui lo fa nel fisico, stabilendo dove andare e quali entità incontrare.

Un giorno si cristallizzerà anche il suo corpo mentale e verrà risvegliata la sua consapevolezza in esso. Gli si aprirà un mondo a cinque dimensioni (non più le tre del cervello fisico o le quattro dell’astrale) ed assumerà nuovi poteri eccezionali, ma anche questo evento non garantisce l’immortalità assoluta.

L’immortalità ottenuta in tal modo è ancora relativa, si parla di “sopravvivenza alla morte fisica” più che di immortalità. Il corpo «fluidico» e il corpo mentale vanno infatti anch’essi soggetti a disgregazione, e prima o dopo moriranno. L’alchimista deve allora proseguire indefessamente l’Opera (l’Opus Magnum), che gli consente di fabbricare un «corpo di gloria» e realizzare l’identificazione con l’anima (Albedo): questa è la vera immortalità.

La «fissazione» dei corpi sottili inferiori (astrale e mentale) che permette di sopravvivare alla morte pur senza aver aperto il Cuore ed essersi identificati con l’anima, costituisce un “effetto collaterale” del lavoro magico/alchemico, il cui fine rimane sempre la realizzazione della propria identità animica (nell’Albedo) e dell’identità divina (nella Rubedo).

Impegnarsi in funzione dell’ottenimento della sopravvivenza astrale, della visione astrale o dell’attitudine a viaggiare in astrale… costituisce un comportamento infantile, da ascriversi alla Bassa Magia, se non addirittura alla Magia Nera qualora venga fatto per fini egoistici.

Credere che ogni uomo possegga un’anima immortale per diritto di nascita, è altrettanto folle che non credere all’esistenza dell’anima e della vita dopo la morte. La «coscienza dell’anima» e la conseguente immortalità sono possibili solo nella misura in cui un uomo lavora per ottenerle lungo tutta la sua incarnazione.

Il corpo astrale dell’uomo è un veicolo non dissimile dal corpo fisico, circondato da un’aureola di colori sfolgoranti e costitito di un ordine di materia più fine di quella fisica. Per mezzo di tale corpo si esprimono le sensazioni, le passioni, i desideri e le emozioni, ed esso agisce quale ponte di congiunzione tra il corpo fisico e il corpo mentale.

Il corpo astrale interpenetra il corpo fisico ma si estende anche tutt’intorno, come una nuvola. Quella parte dell’astrale che si può osservare al di là dei limiti del corpo fisico è comunemente detta aura astrale. La parte centrale del corpo astrale prende esattamente la forma del corpo carnale ed appare quindi più solida e definita della circostante aura, la quale è invece molto più rarefatta.

Una delle caratteristiche del corpo mercuriale è l’incessante gioco di colori, i quali sono l’espressione nella materia astrale dei sentimenti, delle passioni e delle emozioni dell’individuo. Ecco un elenco dei principali colori e delle corrispondenti emozioni che essi esprimono:

Nero: odio e malizia
Lampi di rosso scuro
su sfondo nero: collera
Nube scarlatta:
irritabilità
Scarlatto vivo:
nobile indignazione
Rosso sangue e rosso cupo:
sensualità
Grigio-bruno:
egoismo
Bruno-verdastro
illuminato di lampi scarlatto: gelosia
Grigio:
depressione
Grigio livido:
paura
Rosa:
amore non egoista
Arancio:
orgoglio o ambizione
Giallo cupo:
intelletto usato per fini egoistici
Giallo primula:
intelletto votato a scopi spirituali
Giallo oro:
intelligenza pura applicata a filosofia o matematica
Verde-grigio:
astuzia usata per ingannare
Verde smeraldo:
versatilità, ingegnosità altruista
Blu cupo:
sentimento religioso
Blu chiaro:
devozione ad un nobile ideale spirituale
Ultravioletto:
sviluppo delle facoltà psichiche del Mago per fini elevati
Infrarosso:
basse facoltà psichiche del Mago Nero

Nessuno dei sensi astrali è localizzato in una determinata parte del corpo astrale, il Mago che ha sviluppato la vista sottile utilizza una qualunque parte del corpo astrale per vedere, per cui vede egualmente bene gli oggetti che sono davanti o dietro di lui, al disopra, al di sotto o ai lati. Lo stesso è per gli altri sensi.

Sul piano astrale è possibile per il Mago produrre svariati fenomeni:

La proiezione: chi ha raggiunto un dominio completo del corpo astrale può lasciare il corpo fisico non solo durante il sonno notturno, ma anche a suo piacimento durante il giorno, per spostarsi verso paesi lontani anche a grande distanza dal corpo fisico. L’inattività del corpo fisico, lasciato in un luogo sicuro, è una condizione necessaria per realizzare tali spostamenti.
La disintegrazione di oggetti.
L’apporto di oggetti, ovvero il loro trasporto a grande distanza una volta disintegrati, per poi ricostituirli perfettamente una volta a destinazione.
La materializzazione: il Mago, mentre si trova nel suo corpo astrale, può attirare dalla materia ambientale particelle di materia eterica o fisica, al fine di materializzarsi a sufficienza fino a diventare visibile fisicamente in un dato luogo.
La levitazione di corpi od oggetti per inversione della forza di gravità.

Data la lunghezza dell’articolo, il post è stato diviso in più pagine:

Info Post

loading...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *