Le Creature di LOT

Articolo trasferito dalla precedente versione del sito https://giardinodellefate.wordpress.com

Data di pubblicazione: 20 Settembre 2011 ©Giardino delle Fate

❖ Lo strano comportamento del Corvo Nero ❖

Quella mattina Nero, il corvo più popolare del Granducato, che da sempre sorvolava in amicizia i limpidi cieli di Lot e che tutti erano oramai abituati a considerare come un amico, fu visto sorvolare il Presidio compiendo strani volteggi e ripetendo più volte parole in una lingua sconosciuta: «Feart Deiney.» Immediatamente scattò l’allarme, non a causa del passaggio del corvo di per sé, ma per il nefasto presagio che avrebbero potuto significare le sue parole.

Subito dopo, lo stesso volatile fu visto volteggiare ai Giardini, e poi avvistato anche nella Piazza del Mercato del Granducato, dove, con meraviglia di tutti e senza alcun motivo, aggredì Messer Hashut, Hertog dei Nani, ferendolo al volto con una potente beccata.

Messer Hashut fu subito soccorso e portato all’Ospedale, dove ricevé immediatamente le cure del caso da parte dei Cerusici presenti, ma anche altri Cittadini presenti in quel momento nella Piazza furono coinvolti nell’attacco del corvo “impazzito”, tra cui Ser Yerle, il quale commentò di non aver mai visto Nero comportarsi così e che, se fosse stato realmente il suo amico Nero, non l’avrebbe di certo aggredito. Molti, infatti, notarono che Nero (o quello che sembrava essere lui) aveva sul capo due piume bianche lucenti, mai viste prima di quel momento. Ciò fece subito supporre a molti che potesse, in realtà, non trattarsi di Nero.

Le prime ipotesi sul significato delle parole pronunciate dal corvo vennero dal tempestivo interessamento del Chierico Precettore Messer Robywan, che riconobbe le parole come derivanti da un’antica lingua gallica, il cui significato poteva essere: «Attenti mortali», e il Mago Bianco Messer Gunnengan confermò che se non di mortali si parlava, in ogni caso di popolo o di gente. Da altri studi effettuati in seguito nei preziosi tomi della Biblioteca dei Detentori dell’Arcana Saggezza, il Depositario dei Segreti della Storia Shanty ipotizzò che forse il termine poteva essere considerato, come dal suo primigenio significato, con l’accezione di Umani. Su una cosa tutti furono d’accordo: «Attenti» era un avvertimento…

Ciò che tutti si chiesero fu se quell’oscura presenza che seminò terrore e sgomento al Mercato, fosse proprio il buon vecchio Nero e non un corvo che gli assomigliasse molto, oppure se Nero fosse vittima di un incantesimo tale da giustificare quel suo strano comportamento.

E a quale triste presagio si potevano riferire le sue parole? Forse ad un altro pericolo incombente sul Granducato? Non erano ancora bastati gli eventi funesti che già si erano abbattuti sulla Cittadella negli ultimi tempi? O forse la visione del Druido DAGAR doveva far riflettere circa il comportamento del corvo, considerandolo presagio di sventure future?

Mentre questi ed altri interrogativi affollavano la mente di quanti erano stati testimoni dell’aggressione di Nero, al Presidio furono rinforzati i turni di ronda per la protezione dei Cittadini, per evitare eventuali altri attacchi da parte del corvo e, soprattutto, del nemico di sempre Honorius, che forse era riuscito a dominare la volontà dell’amico di tutti, il dolce corvo Nero.

✧ L’addio del Corvo Nero ✧

Il pomeriggio del XVI giorno, X mese, anno V dalla fondazione di Lot, al Belvedere Nero, il bellissimo corvo, ha fatto il suo ultimo volo sui cieli della Cittadella per poi sparire per sempre dal GranDucato. Con lui è scomparso un simbolo della Cittadella, portatore alcune volte di buone notizie, altre di cattive; un animale strano, sospettoso ma nello stesso tempo intuitivo e generoso.

Nero era un corvo imperiale, dalle dimensioni di gran lunga superiori a quelle dei normali corvi. Proveniente dalle Terre di Avalon, ha vissuto a lungo in un vecchio Castello diroccato in completa solitudine. Un giorno, però, tornò in quel Castello un Re che si riappropriò dei suoi possedimenti. Il Sovrano quando scoprì Nero rimase stupito, quel corvo enorme sapeva parlare, anzi, sapeva parlare la lingua dei Celti. Né il Re, né altri riuscirono a capire come mai quel corvo conoscesse la lingua celtica, oppure da dove provenisse in origine, come nessuno mai capì fino in fondo i veri poteri magici di quell’animale. Ogni giorno era una scoperta, ogni giorno il corvo dimostrava di conoscere cose impensabili, recando stupore in chi lo incontrava.

Il Sovrano decise, comunque, di tenerlo con sé come consigliere. Nessun Umano aveva mai avuto parole così sagge e lungimiranti. Nero rimase vicino al Re con pazienza per molti anni, fino a quando scoprì che l’animo di colui che considerava il suo Sovrano si era indurito ed era diventato cattivo. Il corvo così volò via da Avalon com’era arrivato, lasciando dietro di sé ben pochi rimpianti, alla ricerca di un nuovo luogo dove ancora la pace era vista come fine ultimo di tutte le cose. Lasciò il Sovrano e le terre di Britannia alla ricerca di serenità, giustizia e di una Principessa Elfa che si era presa cura di lui prima dell’arrivo del Re.

Come Nero giunse a Lot non ci è dato di sapere. Anche questa cosa rientra nei mille misteri che hanno sempre avvolto la figura di questo animale. Nessuno sa se anche Nero fu raggiunto dalla notizia che una Guardia Reale dal nome impronunciabile stava creando una Cittadella dove il Bene era visto come unico scopo da perseguire, comunque, in un pomeriggio di fine Estate, i cieli sopra la Piazza del Mercato videro per la prima volta la larga planata del corvo.

Tra i primi ad incontrare l’imponente volatile fu un Mezzelfo di nome Unicorn, che subito strinse un’intensa amicizia con Nero. Nero riconobbe evidentemente in Unicorn il dualismo proprio della sua razza che in un certo senso li accomunava. Quel corvo era troppo particolare per essere sempre appartenuto al popolo del cielo, sicuramente aveva in sé misteri e segreti nascosti sulla sua vera identità, e nulla c’impedisce di pensare che sia stato tramutato in animale da qualche Megera invidiosa dei suoi poteri o malata d’amore.

Nero ed Unicorn strinsero una profonda amicizia che aiutò l’animale anche a superare qualche diffidenza che derivava dalle attenzioni poco carine di qualche lottiano. Più passava il tempo e più i lottiani impararono a conoscere quel magnifico corvo, abbandonando i presagi di sventura che solitamente l’immaginario collettivo attribuiva a quell’animale. Successivamente l’incontro con una Vampira, poi tramutata dal Fato in Umana, di nome GreenEyes, consegnò ai lottiani il nome con il quale da quel momento in poi tutti l’avrebbero chiamato. Fu proprio quella Dama a dargli il nome di Nero.

L’aumentare delle sue amicizie lo rese sempre meno diffidente e quasi quotidianamente si soffermava sulla Piazza del Mercato prima ed altri luoghi poi, dispensando piccoli dispetti sotto forma di “regalini” appiccicosi e maleodoranti, oppure improvvise attenzioni affettuose senza che nessuno ne capisse la ragione. Ma anche questo faceva parte del profondo mistero che aleggiava intorno al corvo.

Entrò ben presto nel cuore di tanti, sia a livello affettivo che a livello sensoriale. Nero, infatti, riusciva a comunicare anche con immagini che chissà come proiettava nella mente di coloro che erano particolarmente predisposti ai suoi poteri. L’Elfa che lasciò ad Avalon gli insegnò queste magie ed il popolo elfico, oppure i Druidi, erano facilmente influenzabili dalle visioni di Nero.

La sua imponenza ed il suo aspetto oscuro lo hanno fatto sempre sembrare come un messaggero o un portatore di sventure, ma non era così. I Druidi, infatti, l’hanno sempre chiamato “Monaco del Cielo”, rispettandolo ed amandolo. Ha però sempre dimostrato di non amare particolarmente la magia ed i suoi esecutori, per tale motivo volava via all’arrivo dei Maghi. Si presume che la sua particolare avversione per i Maghi sia da ricercare in quello che successe una sera in Piazza del Mercato.

Subito dopo che la Piazza fu distrutta dai Draghi e dai Draconici, alcuni lottiani trovarono sotto le macerie uno specchio che rinchiudeva come una prigione l’immagine di un Elfa. L’Elfa, vittima di un sortilegio, piangeva e quando Nero giunse sul posto dimostrò di conoscere quella Dama: era la sua amica di Avalon. Successivamente si scoprì che un Mago Nero, al servizio del Sovrano di Avalon che il corvo aveva abbandonato, aveva fatto rinchiudere lì l’Elfa come rappresaglia per il suo allontanamento.

In quell’occasione intervennero i Maghi di Lot nella speranza di rompere il sortilegio che imprigionava l’amica del corvo, ma non ci riuscirono e lo specchio si ruppe. Nero volò via disperato, sembrava distrutto e non si fece vedere nel GranDucato per lungo tempo.

Qualcosa gli si era sicuramente rotto dentro, quell’Elfa rappresentava oltre che la sua preziosa amica, forse l’unico legame con la vera identità e con le sue vere origini.

Dopo qualche tempo, in concomitanza con la ripresa degli attacchi di Honorius, Nero tornò a volare su Lot, ma era cambiato, sia nell’umore che nell’aspetto, infatti, sul capo aveva due piccole piume bianche che si sollevavano in talune circostanze, quando il corvo si sentiva minacciato. Inoltre il suo animo, sempre votato al Bene, ora era al servizio del Male.

«Feart Deiney.» Queste parole un giorno si udirono nei cieli di Lot, pronunciate dalla voce roca di Nero. Nessuno dei presenti conosceva la lingua e nessuno riuscì a carpirne subito il significato. Nero che mai prima era stato messaggero di sventure, nonostante il suo colore corvino, ora stava ammonendo i lottiani. Il Male stava varcando di nuovo, ed in maniera minacciosa, le mura di Lot.

Fixius, un Demone perito stava per essere resuscitato e la sua natura malvagia, moltiplicata dai Necromanti, stava sviluppandosi tutta tesa verso il Male. L’accampamento degli Orchi assoldati da Honorius era sparito da fuori la Cittadella e troppe cose strane stavano accadendo. La tensione nell’aria si tagliava quasi come fitta nebbia, tutti i lottiani si sentivano in pericolo.

Il Druido Saggio Dagar e la Principessa degli Elfi Nandor Latus erano gli unici che sentivano profondamente la cattiveria che Nero portava, erano gli unici che vedevano le visioni che il corvo riusciva a far percepire. Sentivano che solamente dentro un rinnovato rapporto con il popolo elfico, che tanto apparteneva alla natura del corvo, specialmente nel simbolo degli Elfi tutti che era l’Albero Bianco, Nero poteva riacquistare quella serenità e quella pace che oramai non albergavano più nel suo cuore.

L’antica amicizia fra Dagar, Latus e Nero, l’impegno degli Elfi e dei Druidi hanno riportato il Bene nell’animo di Lot ma, contemporaneamente, Honorius attraverso la mano dei suoi Orchi e dei suoi Sciamani stava invadendo il GranDucato, usando una forza ed una magia finora sconosciute. Il Male rischiava di rovesciare la Cittadella, i Nobili e la cittadinanza tutta erano in serio pericolo.

La Baronessa Astarte, tutrice dell’Infante, era schierata con la Nera Alleanza. I Precettori dell’Infante cadevano uno dietro l’altro sotto i colpi e la magia dei sicari del Maligno. Solo la costante certezza che il Bene doveva essere l’unico vessillo che svettava su Lot ha permesso la vittoria dell’Esercito Ducale contro quello di Honorius. La pace ristabilita, però, aveva un sapore strano e Lot era cambiata, forte nel cuore ma fragile strategicamente. Troppe le morti, troppi i cambiamenti e Nero si sentì di nuovo in pericolo, o forse semplicemente fuori luogo.

Troppa cattiveria aveva respirato e temeva di respirarne ancora. Così ancora, com’era successo già una volta al suo giungere nella Cittadella, dopo aver lanciato un richiamo che sembrava quasi un lamento partì da Lot per raggiungere luoghi nuovi, forse, più sereni alla ricerca di quella pace che il suo animo antico sembrava anelare continuamente…

✦ Scorpioni di Lot ✦

Alzando appena lo sguardo dalla linea dell’orizzonte, nelle fresche albe di Primavera fin alle torride nottate di mezza Estate e seguendo il bagliore lattiginoso del sentiero stellato nel nordico emisfero, s’incontra la costellazione dello Scorpione, una delle maggiori e più luminose… e fatali. Le tre stelle occidentali delineano la testa dell’animale ed Antares, la stella principale, ne indica il venefico cuore, gli astri orientali disegnano la coda ricurva con il velenoso pungiglione…

Ogni viandante ha imparato a riconoscere e maledire la comparsa di tale costellazione, contemporanea alla venuta degli Scorpioni di Lot… Oscure leggende, mormorate a mezza voce, narrano della loro origine ed ascesa, sussurri timorosi di frequente spezzati in un silenzio carico di tensione, nella spasmodica attesa d’udire una risata sibilante, l’ultimo, terrorizzante suono prima del buio…

Dal buio antecedente ogni luce, ribollente oscurità di creazione, l’unione di tre tremende forze, regolatrici dell’equilibrio del mondo che si andava a formare, Caos, Paura e Potere generarono un essere primordiale, immutato da millenni poiché sintesi perfetta di distruzione… Silenzioso e micidiale, fa della notte della ragione, dalla quale è nato, il proprio regno, nel quale si muove rapido e pressoché infallibile, alla ricerca d’una preda, ma quella maledetta notte, la cui oscurità alcuna luce poteva penetrare, la macabra danza di caccia dello scorpione, coinvolge non una preda ma bensì… un adepto…

Alcuni dicono fosse un umano, un valoroso guerriero caduto in disgrazia fra le sue genti per un inenarrabile crimine commesso; altre voci ci indicano un Elfo Oscuro, dall’animo corrotto, o un Demone esiliato o ancora un Drow; c’é chi giura che quella notte, nella gelida vallata dove, in un futuro remoto, sarebbe sorto il Granducato di Lot, si aggirasse senza requie un Mannaro… Chiunque fosse, qualunque cosa fosse, subiva un esilio imposto, inaspriva nel rancore la sua essenza, viveva cullando carmini sogni di vendetta e di morte, la propria quanto quella di coloro che l’avevano ridotto alla desolazione.

Solo in parte venne soddisfatto il suo anelito di annientamento… una puntura, nulla di più, un dolore dapprima acuto, debilitante, alla mano sinistra, poi via via che il veleno proseguiva nella sua folle corsa al cuore, mischiandosi col sangue della creatura, sempre più sordo, pulsante, annientante come gli inarrestabili spasmi che provocava…

Nel suo grato dolore, in un istante di lucidità, la creatura percepì una nuova puntura, e rivolse un rapido ringraziamento ad una divinità qualunque, credendola finalmente fatale… Ma non fu così, lo scorpione l’aveva risparmiato, iniettandogli un antidoto alla propria venefica arma e rendendolo schiavo, servitore della sua bramosia di Potere, del suo bisogno d’incutere Paura, della necessità di creare il Caos… Da quell’oscurità primordiale la Luna è sorta e tramontata infinite volte, e la sua eterea Luce ha seguito il rafforzarsi dell’alleanza dello Scorpione con le stirpi mortali ed immortali che popolano le terre conosciute e sconosciute, affratellate da sangue e veleno, micidiali guerrieri vincolati da un segno indelebile, un tatuaggio sulla mano sinistra, uno scorpione e da una sola necessità, l’antidoto alla morte certa che essi stessi hanno acconsentito ad inocularsi… La loro bramosia di Potere li ha ora portati a Lot, dopo aver terrorizzato le lande al di là del Mare, alla ricerca del luogo della propria genesi.

Info Post

loading...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per usufruire delle complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione.
PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Giardino delle Fate utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso l'apposito pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi