Cucinare con le Fate e le loro Ricette

Articolo trasferito dalla precedente versione del sito https://giardinodellefate.wordpress.com

Data di pubblicazione: 12 Settembre 2011 ©Giardino delle Fate

RICETTE VARIE PER DOLCI

Sorbetto allo sciroppo di fiori di Sambuco
Ingredienti: fiori di sambuco freschissimi e aperti, acqua, zucchero, acido citrico (in farmacia), limone.

Riempire bottiglie o vasi di vetro con i fiori di sambuco, pressandoli al massimo. Coprirli con acqua, chiuderli e metterli al sole per 24 ore. Filtrare spremendo bene i fiori. Per ogni dl di liquido ottenuto aggiungere 125 gr. di zucchero.
Rimettere per tre giorni al sole, agitando di tanto in tanto. Al momento di preparare il sorbetto, per ogni 3 dl di liquido ottenuto, aggiungere mezzo litro d’acqua e il succo di un limone. Se non si possiede la gelatiera, versare il liquido in una vaschetta di metallo larga e bassa e mettere in freezer. Dopo mezz’ora rimescolare. Rimettere in freezer e ripetere l’operazione altre due volte.
Al momento di servire spaccare la mattonella ghiacciata, frullarla, rimettere per 10 minuti il composto nel congelatore prima di servire, decorando con violette o rose candite (ricetta fiori canditi).

Marmellata di frutti di Sambuco
Ingredienti: 1 kg di bacche di sambuco, 1 kg di mele, scorza e succo di limone, 1 kg di zucchero.

Mettere le mele tagliate a dadini e con la buccia, e le bacche di sambuco, private dei peduncoli, in una casseruola coperta e farli bollire. Passare quindi tutto al setaccio, unire lo zucchero ed il limone e rimettere sul fuoco, a fiamma bassa. La marmellata è cotta quando una goccia, messa su un piatto freddo, si rapprende subito.
A questo punto invasare in barattoli di vetro, quindi sterilizzare il tutto.

Torta di fiori di Sambuco
Ingredienti per 4 persone: 400 gr. di farina gialla, 2 cucchiai di farina bianca, 2 uova, 150 gr. di burro, 150 di zucchero, 1 tazza da colazione di latte, 1 pizzico di sale, 3 teste di fiori freschi di sambuco, 1 bustina di lievito, 3 cucchiai di yogurt bianco.

Far sciogliere a bagnomaria il burro. In una terrina a bordo alto montare lo zucchero e le uova con le fruste finché non si otterrà un composto spumoso. Incorporare la farina gialla e quella bianca, lo zucchero, il latte, il sale, il lievito e lo yogurt. Poi unire al composto il burro fuso.
A parte tagliare i piccoli fiori bianchi facendo attenzione a non incorporare i gambi verdi. Tenere da parte 3 cucchiai da cucina di fiori. Spargere infine un po’ di zucchero sul composto. A cottura ultimata spargere i tre cucchiai di fiori rimasti.
Cuocere in forno a 180° per 35 minuti circa, dopo aver imburrato ed impanato una tortiera apribile. È preferibile controllare lo stato di cottura dopo 30 minuti.Crostata di Lillà
Ingredienti: 1 confezione di pasta frolla surgelata, 2 uova, 150 gr. cioccolato fondente, 150 gr. di zucchero, mezzo bicchiere di panna, 2 cucchiai di liquore, 1 ramo di lillà.

Scongelare la pasta, mettere 50 gr. di zucchero in una casseruolina con mezzo bicchiere di acqua, e sciogliere a fuoco medio facendo sobbollire per qualche minuto.
Togliere dal fuoco ed immergervi 4 grappolini di fiori di lillà, lasciandoli in infusione per un’ora. Togliere i fiori, rimettere lo sciroppo sul fuoco, farlo ridurre di un terzo circa ed unire il liquore.
Spezzettare il cioccolato e farlo sciogliere a bagnomaria con la panna. Sbattere i tuorli con 2 cucchiai di zucchero, unire il cioccolato fuso, lo sciroppo al liquore, mescolare bene e lasciar raffreddare.
Stendere la pasta scongelata in una tortiera foderata con carta apposita, rivestendone il fondo e i bordi, e facendo un cordoncino tutto attorno. Punzecchiare il fondo, coprirlo con carta apposita e 2 manciate di fagioli, mettere in forno preriscaldato a 190°, cuocere per mezz’ora. Toglierla dal forno e lasciar raffreddare.
Prima di servire, farcire la torta con la crema al cioccolato, livellandola bene, guarnirla con i grappolini dei fiori di lillà che nel frattempo si saranno preparati così: sbattere leggermente i due albumi rimasti, immergervi rapidamente i grappolini e passarli subito nello zucchero rimasto. Farli asciugare su carta oleata fino al momento di usarli.Frittelle dolci di fiori (glicini, magnolie, lillà, petali di crisantemi, calendula, fiori di Giuda, violette)
Ingredienti: 150 gr. di farina, 3 cucchiai di olio d’oliva, 3 dl di acqua ghiacciata, 1 cucchiaio di brandy, 2 albumi montati a neve fermissima, olio di girasole per friggere, zucchero al velo.

Preparare la pastella con la farina, l’olio d’oliva e l’acqua. Lasciar riposare un paio d’ore, quindi unire il brandy e gli albumi.
Immergere nella pastella i fiori a grappoli, o i petali e le magnolie uno per uno, mentre gli altri petali possono essere mescolati normalmente. Friggerli in abbondante olio, badando a non farli bruciare, asciugarli su carta da cucina e servire spolverizzando con abbondante zucchero a velo.
Macedonia di melone e vino alla camomilla

Ingredienti: 1 melone, 10 fiori freschi di camomilla, vino bianco dolce.

Tagliare a cubetti o a palline la polpa del melone, mescolarlo ai fiori della camomilla, aggiungere un pezzetto di zenzero tagliato a pezzetti, un paio di cucchiai di zucchero, ed infine coprite il tutto con il vino dolce.
Tenere in frigorifero fino al momento di servire.
Si può usare qualsiasi tipo di frutta estiva.
Ottima con pesche o albicocche.Pan di spagna con frutta e fiori canditi
Ingredienti: 1 pan di Spagna acquistato pronto, mezzo chilo di frutta assortita (amarene snocciolate, albicocche, pesche, more, lamponi, banane), 100 gr. di miele d’acacia, 1 bicchiere di vino bianco dolce, succo d’arancia. Fiori brinati, panna e fragole per guarnire.

Pulire la frutta e tagliarla a pezzetti, farla cuocere con il miele per una decina di minuti mescolando in continuazione.
Con questo composto, freddo, farcire il pan di Spagna dopo averlo spruzzato con succo di arancia, o brandy se è per adulti.
Spennellare la superficie del dolce con miele e decorarlo con panna, fiori canditi e fragole.
Va tenuto al fresco almeno sei ore prima di servire.Torta alla nevicata di biancospino
Ingredienti per 8-10 persone: 6 uova, 500 gr. di farina, 300 gr. di miele, 1/4 di litro di panna, 1 bicchiere di latte, la buccia grattugiata di un limone, 1 bustina di lievito per dolci, petali di fiori di biancospino ben lavati.

Sbattere le uova, unire la farina amalgamando bene, il miele, la buccia del limone, la panna, il latte e la bustina di lievito. Versare in una tortiera foderata con carta apposita, ed infornare a forno preriscaldato a 180° per tre quarti d’ora abbondanti. Quando è cotta lasciarla raffreddare, sformarla, dividerla a metà e farcirla con marmellata, o con la macedonia di frutta del Pan di Spagna con frutta e fiori canditi. La stessa farcitura si userà per la parte superiore, che verrà coperta con una “nevicata” di petali di biancospino.Torta di ciliegie con fiori di ciliegio
È la torta precedente che verrà farcita con ciliegie snocciolate e tritate, grossolanamente mescolate a panna montata. Per decorare usare petali di fiori di ciliegio.Gelato ai fiori di glicine
Ingredienti per 4-6 persone: 1/2 litro di latte intero fresco, 200 ml di panna fresca, 200 gr. di zucchero, 3 tazze colme di fiori di glicine.

Mettere il latte e lo zucchero in una casseruola di acciaio o smaltata, e far scaldare fino a quando accenna l’ebollizione, quindi spegnere il fuoco.
Versare i fiori nel latte, tenendone da parte un po’ per la decorazione. Mescolare, coprire e lasciare i fiori in infusione nel latte zuccherato fino a quando non diventa tiepido. Filtrare con un colino a maglie fitte.
Montare la panna, quindi aggiungerla al latte mescolando delicatamente.
Versare il composto nella gelatiera e far gelare seguendo le istruzioni dell’apparecchio. Subito prima di servire il gelato, trasferirlo in una coppa fatta precedentemente raffreddare in freezer, e cospargerlo con i fiori rimasti.
Varianti: Si può fare anche con fiori di gelsomino, robinia, caprifoglio. Per una versione senza latticini, si può sostituire il latte con 1200 ml di latte di riso, ed eliminare la panna.Liquore davvero profumato
Ingredienti: 170 gr. di violette, 170 gr. di petali di rose rosse, 170 gr. di petali di acacia, 170 gr. fiori d’arancio, 170 gr. di petali di garofano, 100 gr. di fiori di gelsomino, 3 chiodi di garofano, la buccia di un limone biologico, 1 cucchiaio raso di zucchero di canna integrale.

Dopo aver lavato ed asciugato i petali, metterli in un barattolo di vetro a chiusura ermetica con un litro di brandy. Lasciare il barattolo al sole per un mese, scuotendolo di tanto in tanto, dopodiché filtrare il liquido attraverso una garza od un filtro da caffè americano. A piacere aggiustare di zucchero o… brandy.
Questo liquore è ottimo come digestivo alla fine del pasto, oppure servito su una coppa di gelato.Liquore di Mirto
Ingredienti: 200-250 gr. bacche di mirto mature (quando diventano nere), 1 litro di alcool puro, 1 litro d’acqua, 500 gr. zucchero.

Mettere in un recipiente le bacche di mirto a bagno nell’alcool che deve ricoprirle, chiudere il coperchio non ermeticamente e lasciare in infusione per circa 20 giorni, ogni tanto mescolare il tutto, al buio.
Dopo 20 giorni circa preparare uno sciroppo con acqua e zucchero fino a farlo quasi bollire. Poi far raffreddare a temperatura ambiente.
Nel frattempo passare le bacche e tutto l’alcool al passaverdure (quello manuale a manovella), e ripassare le scorie che rimangono anche un paio di volte.
Filtrare il liquido ottenuto attraverso un passino a maglie fine, meglio se con un telo di stoffa sopra, ed aggiungere lo sciroppo di acqua e zucchero, mescolare bene e mettere in recipienti chiusi (meglio se bottiglie con cui servirlo). Si serve ben freddo (anche di freezer).

Consigli: il mirto in genere è maturo all’inizio dell’inverno, verso dicembre-gennaio, ma dipende dal clima della zona in cui è la pianta, le bacche devono essere nere e non troppo dure, si possono anche assaggiare se non sono troppo aspre. Sciroppo di viole
Ingredienti: 60 gr. di petali di viole profumatissime, 300 gr. di zucchero, 1,5 dl d’acqua.

Versare l’acqua bollente sui petali delle viole sistemati in un recipiente di terracotta o di porcellana, aspettare che si raffreddi, lasciando riposare per circa 2 ore, poi filtrare.
Decantare il liquido per almeno un’altra ora, in modo che le scorie si depositino sul fondo del recipiente, quindi versare adagio in una pentola di acciaio inossidabile, trattenendo sul fondo del contenitore il residuo che rimane.
Aggiungere lo zucchero e porre al fuoco, portando lentamente ad ebollizione.
Quando lo sciroppo raggiunge una densità appena inferiore al miele, levarlo dal fuoco e farlo raffreddare subito, immergendo il recipiente in acqua fredda corrente.
Imbottigliare e tappare bene. Conservare in luogo fresco e asciutto.

Data la lunghezza dell’articolo, il post è stato diviso in più pagine:

Info Post

loading...

1 commento

  1. Buongiorno a tutte, con questo mio commento vorrei solo informarvi che noi siamo l’azienda che distribuisce i fiori di ibisco FRESCHI in sciroppo e tanti altri prodotti, tutti a base di Fiori di Ibisco. Tutti naturali, senza conservanti e non trattati. Se volete conoscerci visitate il nostro sito http://www.wildhibiscusitalia.com
    Per farli in sciroppo bisogna partire dai fiori freschi, se ci si limita a reidratare quelli secchi si avrà un sapore un po’ acidulo e i fiori non saranno ne belli da vedere ne buoni da mangiare.
    I nostri fiori sono raccolti uno per uno a mano all’alba e messi immediatamente in sciroppo. Rimangono carnosi e croccanti e sopratutto dolcissimi. Da provare.
    Aspettiamo i vostri commenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per usufruire delle complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione.
PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Giardino delle Fate utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Puoi scegliere tu stesso se accettare o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso l'apposito pulsante in basso nel footer del sito (alla fine della pagina). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi